Corso di Formazione Specifica Lavoratori - Formatori24.it - Sicurezza sul Lavoro Formazione Consulenza Certificazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Corso di Formazione Specifica Lavoratori

CORSI

FORMAZIONE DEI LAVORATORI ALL’USO DEI VIDEOTERMINALI (VDT) - ERGONOMIA

DURATA

4 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

L’uso di attrezzature munite di videoterminale (VDU e VDT) si è esteso rapidamente negli ultimi anni, interessando sia le attività pubbliche che private, e coinvolgendo un numero elevato di operatori. Se le nuove attrezzature hanno prodotto indubbiamente maggiore funzionalità e snellimento del normale lavoro, è pur vero che hanno sollevato problematiche di protezione dei lavoratori addetti al loro impiego.
Il Titolo VII del D.Lgs. 81/2008 detta le disposizioni di legge per le attrezzature munite di videoterminali, mentre i requisiti minimi delle attrezzature e delle postazioni munite di videoterminale sono stabilite dall’allegato XXXIV. Il decreto definisce "videoterminale" uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato, mentre è considerato "videoterminalista" colui che utilizza un’attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per almeno venti ore settimanali.
L’utilizzo sistematico, e oramai indispensabile, di videoterminali comporta l’assunzione di alcune precauzioni per la tutela della salute sul lavoro, in particolare in riferimento ai rischi per la vista e per gli occhi, ai problemi legati alla postura ed all’affaticamento fisico e alle condizioni ergonomiche e di igiene ambientale.
In riferimento all’art. 177 del D.Lgs. 81/2008, il datore di lavoro ha l’obbligo di formare ed informare i lavoratori addetti al videoterminale sui rischi specifici della loro attività, in particolare per quanto riguarda le misure applicabili al posto di lavoro, le modalità di svolgimento dell’attività e la protezione degli occhi e della vista.

DESTINATARI

L’intero percorso è rivolto ai lavoratori con mansione impiegatizia o similare che durante lo svolgimento dell’attività lavorativa utilizzano il videoterminale.

DESCRIZINE

Programma:
Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni Introduzione teorica ai rischi da videoterminale
La definizione di videoterminalista

Gli obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori
La normativa sui disturbi oculo-visivi e sui disturbi scheletrici
Lo stress correlato al lavoro
L’organizzazione del lavoro e lo svolgimento quotidiano del lavoro
La sorveglianza sanitaria
L’informazione e la formazione dei lavoratori
Prescrizioni tecniche e prescrizioni ergonomiche
Prescrizioni comportamentali da seguire

INFORMAZIONI

Contattaci

FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (MMC) - MAGAZZINIERI

DURATA

4 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

Per movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intende ogni operazione di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, tirare, portare o spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari, quali patologie delle strutture osteoarticolari, muscolo tendinee o nervo vascolari (art. 167, comma 2, D.Lgs. 81/2008). Nella normativa italiana per la tutela dei lavoratori dai rischi connessi alla movimentazione manuale dei carichi, una tra le prime leggi fissava in 20 kg. Il peso massimo sollevabile dalle donne adulte (Legge n. 635 del 1934), ma solo nel 1994 con l’arrivo del D.Lgs. 626 il quadro normativo fu definitivo in maniera più organica. L’art. 169 stabilisce che il datore di lavoro, tenendo conto dell’allegato XXXIII, fornisce ai lavoratori le informazioni adeguate relativamente al peso ed alle altre caratteristiche del carico movimentato; egli deve assicurare una formazione adeguata in relazione ai rischi lavorativi e alle modalità di corretta esecuzione delle attività.
Infine, il datore di lavoro deve fornire l’addestramento adeguato in merito alle corrette manovre e procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi.
Tra le norme che il datore di lavoro deve assumere quali criteri di riferimento per l’adempimento dei propri obblighi, sono specificatamente indicate le norme UNI ISO della serie 11228 che comprendono:
-UNI ISO 11228-1 Sollevamento e trasporto manuale dei carichi
-UNI ISO 11228-2 Traino e spinta manuale dei carichi
-UNI ISO 11228-3 Compiti ripetitivi di movimentazione di piccoli carichi ed alta frequenza

DESTINATARI

L’intero percorso è rivolto ai lavoratori addetti alla movimentazione manuale dei carichi.

DESCRIZINE

Programma:

Il percorso formativo, così come previsto dal D.Lgs. 81/2008 deve prevedere, quale contenuto minimo i seguenti moduli:
Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni
Movimentazione manuale dei carichi: la legislazione vigente
Rischi connessi all’errata movimentazione manuale dei carichi
La valutazione analitica del rischio
Esercitazione e test di autovalutazione finale  

INFORMAZIONI

Contattaci

FORMAZIONE DEGLI OPERATORI ELETTRICI (PES e PAV)

DURATA

16 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

Corso di formazione degli Operatori elettrici, PES (Persona esperta) e PAV (Persona avvertita). Il Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs. n. 81 del 2008) al Capo III obbliga il datore di lavoro a riconoscere le competenze delle persone che svolgono lavori sugli impianti elettrici della propria azienda. In particolare l’art. 82, comma 1, recita: "è vietato eseguire lavori sotto tensione". Tali lavori sono tuttavia consentiti nei casi in cui i lavori sono eseguiti nel rispetto delle seguenti condizioni: l’esecuzione di lavori su parti in tensione deve essere affidata a lavoratori riconosciuti dal datore di lavoro come idonei per tale attività
secondo le indicazioni della pertinente normativa tecnica.
Le competenze che forniscono le idoneità che legge cita e che le norme richiedono sono contenute in una serie di normative le cui principali sono la CEI 11-27 IV edizione e la CEI EN 50110-1 entrate in vigore nell’edizione a partire dal 1 Febbraio 2014.
In sintesi nessun lavoro elettrico deve essere eseguito da persone prive di adeguata formazione professionale (PES e PAV) ed idoneità (PEI).
Poiché la nuova norma CEI 11-27/2014 deve essere applicata a tutti i lavori in cui sia presente il rischio elettrico, indipendentemente dalla natura del lavoro stesso, la formazione viene richiesta a tutti coloro che svolgono un lavoro con presenza di rischio elettrico.

DESTINATARI

Il corso si rivolge principalmente al personale tecnico, installatori elettrici, responsabili tecnici, responsabili di impianti, preposti, lavoratori che operano sugli impianti elettrici, reparti interni delle imprese con attività nel campo della manutenzione e dell’installazione elettrica di macchine ed impianti, appaltatori di lavori elettrici.

Il corso si rivolge, a partire dal 1 Febbraio 2014, anche a coloro che, pur non eseguendo interventi su installazioni elettriche, eseguono lavori in prossimità di parti attive accessibili.

DESCRIZINE

Progrmma:
-I lavori elettrici e il D.Lgs. 81/2008
-Tipologie di lavoro elettrico
-Zona di lavoro, parti attive, ruoli e comunicazioni
-DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) e attrezzi per lavori elettrici
-Lavori elettrici sotto tensione in bassa tensione
-Lavori elettrici in prossimità AT/BT
-Interventi semplici su quadri elettrici - BT

INFORMAZIONI

Contattaci

FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI (Pi.M.U.S.)

DURATA

28 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

Il corso di formazione è destinato a tutti quei lavoratori, addetti e preposti, al montaggio, smontaggio, uso e trasformazione di ponteggi, che hanno già ottenuto l’attestato di partecipazione alla prima formazione e che necessitano dell’aggiornamento quadriennale.
L’intero percorso è finalizzato all’apprendimento di tecniche operative adeguate ad eseguire in condizioni di sicurezza le attività di montaggio, smontaggio, uso e trasformazione di ponteggi.

DESTINATARI

Lavoratori e preposti

DESCRIZINE

Programma
Il percorso formativo, così come previsto dal D.Lgs. 81/2008 Allegato XXI, deve prevedere, quale contenuto minimo i seguenti temi:

Modulo 1 (Giuridico – Normativo)
Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni
Analisi dei rischi
Norme di buona tecnica e di buone prassi
Statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme nei cantieri
Titolo IV, Capo II limitatamente ai "lavori in quota" e Titolo IV, Capo I "cantieri"

Modulo 2
(Tecnico)
Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (Pi.M.U.S.), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto
DPI anticaduta: uso, caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione
Ancoraggi: tipologie e tecniche
Verifiche di sicurezza: primo impianto, periodiche e straordinarie

Modulo 3
(Pratico)
Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a tubi e giunti (PTG)
Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a telai prefabbricati (PTP)
Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (PMTP)
Elementi di gestione prima emergenza - salvataggio

INFORMAZIONI

Contattaci

aggiornamento corso di formazione

AGGIORNAMENTO FORMAZIONE DEGLI OPERATORI ELETTRICI (PES e PAV)

DURATA

4 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

Il corso di aggiornamento si rivolge a Persone Esperte (PES), Persone Avvertite (PAV) e Persone Idonee (PEI), che nell’ambito della loro attività eseguono lavori su impianti elettrici fuori tensione sia lavori in prossimità o fuori tensione su impianti in alta tensione.
Il corso di aggiornamento è rivolto anche ai Responsabili dell’impianto per i lavori (RI) e ai Preposti alla conduzione dei lavori (PL) di cui alla Norma CEI 11-27 2014.
In particolare il corso si rivolge principalmente al personale tecnico, installatori elettrici, responsabili tecnici, responsabili di impianti, preposti, lavoratori che operano sugli impianti elettrici, reparti interni delle imprese con attività nel campo della manutenzione e dell’installazione elettrica di macchine ed impianti, appaltatori di lavori elettrici.

Il corso si rivolge, a partire dal 1 Febbraio 2014, anche a coloro che, pur non eseguendo interventi su installazioni elettriche, eseguono lavori in prossimità di parti attive accessibili.

DESTINATARI

Il corso si rivolge principalmente al personale tecnico, installatori elettrici, responsabili tecnici, responsabili di impianti, preposti, lavoratori che operano sugli impianti elettrici, reparti interni delle imprese con attività nel campo della manutenzione e dell’installazione elettrica di macchine ed impianti, appaltatori di lavori elettrici.

Il corso si rivolge, a partire dal 1 Febbraio 2014, anche a coloro che, pur non eseguendo interventi su installazioni elettriche, eseguono lavori in prossimità di parti attive accessibili.

DESCRIZINE

Programma:
Il percorso formativo, così come previsto dal D.Lgs. 81/2008 deve prevedere, quale contenuto minimo i seguenti moduli:
Scopo e campo di applicazione della Norma CEI 11-27:2014 e della nuova Norma CEI EN 50110-1:2014
Le figure definite della Norma CEI 11-27: 2014 (URI, RI, URL e PL)
Le nuove definizioni delle zone di lavoro elettrico e di lavoro non elettrico
La gestione dei lavori non elettrici con rischio elettrico
Procedure per l’esercizio degli impianti elettrici e per l’individuazione dei profili professionali
Procedure per lavori sotto tensione, fuori tensione ed in prossimità

La gestione delle situazioni di emergenza secondo le Norme CEI 11-27:2014 e CEI EN 50110-1:2014

INFORMAZIONI

Contattaci

AGGIORNAMENTO FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI (Pi.M.U.S.)

DURATA

4 ORE

TIPO

AULA/FAD

PREPARA PER

Il corso di formazione è destinato a tutti quei lavoratori, addetti e preposti, al montaggio, smontaggio, uso e trasformazione di ponteggi, che hanno già ottenuto l’attestato di partecipazione alla prima formazione e che necessitano dell’aggiornamento quadriennale.
L’intero percorso è finalizzato all’apprendimento di tecniche operative adeguate ad eseguire in condizioni di sicurezza le attività di montaggio, smontaggio, uso e trasformazione di ponteggi.  

DESTINATARI

Lavoratori e preposti

DESCRIZINE

Programma
Il percorso formativo, così come previsto dal D.Lgs. 81/2008 Allegato XXI, deve prevedere, quale contenuto minimo i seguenti temi:

Riepilogo degli aspetti normativi e dei DPI
Il documento Pi.M.U.S. e gli ancoraggi
Le verifiche di primo impianto e di manutenzione
I componenti dell’attrezzatura, della gestione delle emergenze, dei controlli e delle ispezioni pre-utilizzo

Esercitazioni con tubi-giunto, telaio prefabbricato e multi-direzionale

INFORMAZIONI

Contattaci

 
Torna ai contenuti | Torna al menu